lunedì 23 dicembre 2013

Tutorial: albero di Natale con vecchi libri

Tardi, come al solito. Ma meglio tardi che mai, si dice.
Comunque non è niente di nuovo, anzi, l'idea circola ormai da anni...ma l'ho promessa a tante di voi che mi seguono da Abilmente, dove ho presentato il mio "boschetto incartato", ricordate?


e visto che dovevo rifarne uno come augurio per M, sapendo che ogni cosa diventa facile e semplice solo quando la sai, per quelle di voi che ancora non lo conoscono ecco il tutorial per realizzare uno di questi alberi di Natale in carta, che possa servire da centrotavola o decorazione da appoggio.

Me lo chiedono spesso come a una conservatrice (e pure restauratrice!) di beni librari quale perlomenopotenzialmente sono, possa venire in mente di dare suggerimenti, idee, consigli per utilizzare il libro come supporto con cui creare.
La risposta è semplice: non l'ho mai considerato qualcosa di intrinsecamente intoccabile e inestimabile; prima di tutto per me il libro è un oggetto, un mezzo, uno strumento a cui attribuisco un valore a seconda di quando, come e perché è stato realizzato e di cosa contiene...quindi contenitore e/o contenuto possono sì assurgere ad opera d'arte, ma accidenti, anche no!
Perché allora non fare diventare un volume superato, una vecchia edizione tascabile o un libro che non piace e non interessa una decorazione simpatica ed utile a rallegrare l'atmosfera natalizia?
Il gran fascino della carta è soprattutto questo: la straordinaria possibilità di trasformarsi! Ecco allora uno degli svariati modi per farlo, particolarmente bello e interessante perché grazie all'origami servono solo le nostre mani, e poco più.

01. Nella scelta del libro fate caso al numero di pagine -consiglio intorno alle 200-, alla presenza di immagini e al colore della carta (se proprio l'idea di usare un libro non vi va giù potete anche optare per una rivista, eh?...io stavolta ho scelto questo, rimasto per anni a prendere polvere in soffitta e presto destinato all'ecocentro)


02. Tolta la copertine e le prime e ultime pagine, aprite poi il libro e dividetelo a metà lungo il dorso (se è duro provate ad ammorbidirlo all'esterno con un pò d'acqua tiepida, in modo che diventi più flessibile)


03. Piegate poi la pagina portando l'angolo, in alto a destra, lungo il bordo di cucitura interna


04. Ripiegate di nuovo la pagina su se stessa allo stesso modo


05. Portate poi il triangolino che si forma in basso verso l'interno, piegandolo lungo il taglio di piede del libro per creare un fondo piatto (questo passaggio è facoltativo, ma se scegliete di non farlo allora l'albero avrà bisogno di un supporto per tenerlo sollevato, come ad esempio la base di una candela o altro tipo di alzata)


06. Continuate così per tutte le altre pagine


07. Finita la prima metà ripetete questi passaggi nella seconda


08. Otterrete così i due semi coni, che uniti formeranno il nostro abete.
Ma può un albero di Natale stare senza punta e /o qualche piccolo addobbo?...


09. ...certo che no! E allora, con le pagine avanzate o rovinate, tagliate delle striscioline larghe 1-1,3 cm e alte quanto la pagina, un 24 cm nel mio caso.


10. Le striscioline serviranno a formare delle simpaticissime stelline di carta, come quelle spiegate qui:


11. Infine procuratevi un bastoncino di legno (vanno bene quelli utilizzati x gli spiedini) e con un pò di colla a caldo incollatelo prima lungo il dorso di uno dei due semiconi


12. poi mettete altra colla dalla parte opposta e incollateci l'altro, ricordandovi di far uscire in alto -di circa 1 cm- il lato appuntito dello stuzzicadentone


13. Distribuite le pagine in maniera regolare, infilateci la stellina sulla punta e voilà, il vostro albero di carta è pronto! C'è chi poi lo decora con brillantini e addobbi vari...seguite il vostro gusto.
Il mio lo vede finito così, con qualche libro e stellina accanto a fargli compagnia, pulito ed elegante nella sua straordinaria semplicità.


Della pantomima del Natale e dei buoni propositi possiamo benissimo farne a meno, lo so. Ma so anche che alla fine se non ci fossero magari ci resterei male e mi mancherebbero, comprese tutte queste lucine intermittenti che accendono, poi spengono, poi riaccendono in maniera diversa una lunga scia di pensieri, e ricordi, e riflessioni...
E allora a me e a al mondo intero auguro che tutto questo dire diventi almeno in parte un fare per trasformarsi in un autentico essere, auguro che qualche dettaglio di questa generica forma diventi definita e corposa sostanza, auguro che tutta la distanza, la fretta, il rumore con cui dobbiamo/scegliamo di convivere possano andare in vacanza per un pò e concedere uno spazio, un tempo e un silenzio da riempire con chi e con ciò che si ama...



BUON NATALE

4 commenti:

  1. Uff quanto ci ho sbattuto la capoccia, su quelle stelline! Le volevo fare per il nostro albero e per decorare i regali ma niente! Proprio non mi viene il passaggio in cui si crea la bombatura per fare le punte! Questo tutorial è splendido, e anche quello che hai scritto e anche tutta tu, come sempre. Passa dei bei giorni, cara Monica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yle, dipende dalla grammatura e dalla lunghezza della striscia! Prova varie combinazioni e vedrai che ti riesce...devi solo trovare le proporzioni ideali per le tue mani e la tua energia :-)
      Grazie dei complimenti, che ricambio anche io, insieme ai migliori auguri...
      Vi abbraccio.

      Elimina
  2. Adoro la tua pagina fb così come adoro il tuo blog ^_^
    Sei per me fonte di grande ispirazione. Grazie alle tue idee ho potuto realizzare la mia prima mostra di origami, che è andata benissimo.
    Prossimo progetto? Un associazione artistico-culturale per chi ama la carta così come la amo io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai...quale onore! Beh, se hai addirittura fatto una mostra sei più avanti di me! Sono felicissima, non sai quanto...Tienimi aggiornata, e un grande abbraccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...