mercoledì 31 luglio 2013

Riciclo creativo: imparare ad allacciarsi le scarpe

Estate, vacanze, giornate calde e lunghe.
Chi ha figli in età scolare sa quanto questi 3 mesi siano un periodo non così semplice da gestire.
Finito il supporto dei centri estivi, consapevole di non dover approfittare dell'aiuto delle nonne, desiderosa di condividere tempo ed esperienze con le mie bambine, ho cercato qualche idea simpatica e utile da poter sperimentare insieme a loro.
Come sempre son partita dal mio vissuto, dalla quotidianità che ci circonda e plasma, da quei piccoli gesti che più di quanto pensiamo contribuiscono a migliorare o meno la qualità del nostro tempo.
Frequentando spesso le scuole primarie, come mamma ma anche come esperta esterna che propone laboratori creativi, mi balzano sempre agli occhi le difficoltà che hanno molti bambini (e non solo!!!) ad eseguire anche semplici operazioni manuali come disegnare una sagoma, tagliare con la forbice, fare un fiocco. Ecco...oggi parliamo di quest'ultimo punto che mi tocca particolarmente da vicino.
Complice il fatto che alla materna quasi tutte le maestre vogliono gli strap e che poi a scuola non c’è l’obbligo delle scarpe con i lacci, far capire come allacciarsele da soli è una questione che si finisce col rimandare di anno in anno. Eh no, basta!
Qui da noi è davvero giunta l'ora di imparare...ma come riuscirci in maniera semplice e divertente?
Con qualche ricerca ho trovato questo post, mi è piaciuto subito e direi che cade a pennello, visto che al mondo del riciclo credo profondamente e non a caso mi sta chiamando su più fronti (ma ve li racconto la prossima volta ;-)).

Insomma, senza aggiungere troppe parole, questo è stato il nostro pomeriggio.

Poche cose, che ai bambini non mancano mai.


L'entusiasmo e la curiosità di avventurarsi in un nuovo progetto.


Il desiderio di realizzarlo con le proprie capacità.


L'attenzione per sentire cosa davvero si vuol far nascere.


L'impegno per crederci fino in fondo ed esprimerlo al meglio.


Il chiedere un aiuto se non riesci ancora ad arrivarci con le tue forze.


I tanti tentativi falliti, che però non fanno mai rinunciare.


...E la soddisfazione di godersela tutta, la propria vittoria.


Poche cose sì, ma che contano. Cose che troppo spesso, crescendo, ci si dimentica.
E pensare che...
"basta poco per sorridere un po’,
basta poco: una fiaba, un'immagine, un gioco.
Per sorridere un po’ basta poco.
Basta poco."



6 commenti:

  1. Ciao, proprio l'anno scorso in agosto Ilaria, la mia seconda, ha imparato ad allacciarsi le scarpe e a fare il fiocco. Io ho usato uno strumento molto semplice: il cartone di un rotolo di carta igienica a cui ho fatto dei buchi in cui ho fatto passare la stringa. Costo zero, soddisfazione tanta! Buona estate con le tue bimbe :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea anche il rotolo!
      Buona estate a te :-)

      Elimina
  2. questa me la devo ricordare per il futuro. sai, vedendo le foto ho pensato ai miei due tra qualche anno: che belle che sono loro, a far cose insieme, e che bello dev'essere, per te, vederle che crescono vicine. e, ovvio, sono tanto tanto felice di leggerti, di aver sistemato i ritmi e ripreso i miei passaggi, indispensabili, qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello sì,...ed è ancora più bello crescere insieme a loro.
      Assorbi ogni momento, che il tempo scorre davvero veloce.
      E sono tanto felice anch'io di rileggerti e risentire i tuoi passaggi,
      qui ed ovunque.

      Elimina
  3. Meraviglia e ottima idea per proporre un laboratorio ad hoc :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...